Print this page
di Cecilia Cecchini, Marco Petroni
Silvana Editore

Il volume racconta, intrecciando arte, design e costume, l’affascinante storia di un materiale che ha profondamente segnato il nostro tempo e le nostre abitudini: la plastica. Fra gli oggetti presentati, provenienti dalla collezione della Fondazione Plart, Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto – una delle collezioni più peculiari e prestigiose al mondo riguardanti questo materiale –, figurano artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo, con prime serie di produzione, pezzi di grande tiratura di famosi designer o di design anonimo, utili a illustrare lo sviluppo della grande e molteplice famiglia dei materiali plastici: dalle pre-sintetiche, realizzate nell’Ottocento e caratterizzate da un sapore quasi alchemico, alle plastiche “verdi” più contemporanee segnate dall’aspirazione di svincolarsi dalla dipendenza dal petrolio, passando per la bakelite del primo Novecento, le plastiche del Made in Italy, il Moplen – per il quale Giulio Natta, insieme a Karl Ziegler conseguì nel 1963 il premio nobel per la chimica – i giocattoli, le icone del design internazionale e gli oggetti della quotidianità domestica un tempo posseduti dalla maggior parte delle famiglie. Il volume, che accoglie saggi dedicati alla storia, all’uso, all’estetica, alla conservazione di questo miracoloso materiale, è arricchito da interventi di esperti e noti designer, ed è completato da indici e bibliografia. Saggi di: Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà Conversazioni con: Maria Pia Incutti, Andrea Branzi, Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio Montalti – Officina Corpuscoli, Gaetano Pesce, Andrea Trimarchi e Simone Farresin – Studio Formafantasma

Info